Questi I risultati della gestione TARI 2014-2015  nei comuni dell’Alta Valdera: a fronte di una riduzione dell’oggetto del servizio (i rifiuti) del 11,5% il costo della raccolta aumenta in media del 13%, ovvero un aumento che, se riferito alla quantità di rifiuto raccolto, corrisponde al 30%.

Un risultato disastroso, secondo voi che fine farebbe in un’azienda privata un dirigente che presenta un risultato del genere del suo reparto?

Ricordiamo che la gestione dei rifiuti è una voce molto importante dei bilanci comunali, in alcuni casi incide anche per 1/3 della ricchezza prodotta dai tributi dei cittadini, e che la classe politica designata ad amministrare i nostri interessi di cittadini sono nostri dipendenti ai quali gli stiamo pagando lo stipendio per fare i nostri interessi.

sintesi_tari.

L’Alta Valdera è il fanalino di coda nella raccolta differenziata, solo il comune di Capannoli sta lentamente prendendo questa direzione, mentre gli altri sono alla preistoria. Se vogliamo pensare al futuro dovremmo immaginarci un mondo dove il rifiuto non sia qualcosa da sotterrare (prima o poi lo spazio finisce) o da bruciare (l’aria non la inquinano solo le auto), ma che diventi una risorsa per qualcun’altro.

Gli amministratori dovrebbero favorire la sensibilizzazione alla produzione di minori quantità di rifiuti, emanare regolamenti che disincentivino l’uso di imballaggi e prevedere più possibile la raccolta differenziata. Sono incapaci di una nuova visione del futuro o stanno facendo gli interessi di altri e/o del proprio sistema di potere che gli garantisce la rielezione?

Fare raccolta differenziata conviene. Dai grafici precedenti si nota infatti come il costo del solo smaltimento in discarica del rifiuto indifferenziato costa quasi 900.000€ e quando ci raccontano che differenziare costa di più ci parlano solo del costo di raccolta si dimenticano di dire che il prodotto indifferenziato non va smaltito in discarica ma anzi  è fonte di reddito e potrebbe ritornare nelle casse comunali.

differenziata_av_2014_2015In un mondo normale gli amministratori dovrebbero essere guidati dal desiderio di fare gli interessi economici e ambientali dei cittadini, guardando alle migliori tecniche per andare verso una gestione rifiuti zero, mentre i gestori, siano essi aziende pubbliche o private, dovrebbero pensare a rinnovarsi (come tutte le aziende del mondo) al fine di offrire un prodotto ed un servizio sempre adeguato ed all’avanguardia per soddisfare le esigenze. Nel mondo alla rovescia invece gli amministratori frenano il futuro, per garantire guadagni facili ai gestori..

Qui di seguito i grafici sul costo totale del servizio e quantità di RSU suddiviso per comuni

tari_per_comuni

rsu_alta_valdera

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail