Sabato 14 Marzo 2015 alcuni componenti del meetup di Peccioli assieme ad altri attivisti del M5S, al candidato Presidente per la Regione Toscana Giacomo Giannarelli e altri candidati consigleri, hanno incontrato a Legoli (Peccioli) il Comitato Emergenze Ambientali Legoli e il Movimento Tutela Ambiente e Territorio Montefoscoli, per poi spostarsi a Chianni per partecipare ad un incontro promosso da Legambiente Valdera.

La visita alla discarica di Legoli

legoli_1La vista di un simile impianto, anche se fatta dall’esterno per mancanza dei permessi d’ingresso, fa riflettere su quanti errori il genere umano stia commettendo col modello attuale di società. Colline di rifiuti sotterrati, vasche di percolato dall’aspetto inquietante, l’aria impura da respirare e i terreni circostanti privati di qualsiasi dignità. Un pezzo di ambiente sacrificato, anche per le generazioni future, in nome di cosa tutto questo? Le discariche, così come gli inceneritori, rappresentano la vergogna del modo in cui è impostata la società, un ‘bug di sistema‘ da dover affrontare e risolvere con urgenza e determinazione. Fino ad adesso i nostri governanti ci hanno servito dicendo che d’altra parte il problema dei rifiuti esiste e qualcuno se ne deve pure occupare.

Noi vogliamo smettere di gestire solo le conseguenze ed intraprendere un lavoro concreto per risolvere il problema dalla radice, iniziando a rifiutare proprio il concetto del rifiuto. La strategia rifiuti zero non è utopia è solo questione di volontà politica, non solo per mettere in moto la tecnologia necessaria, ma anche nel fare azioni di sensibilizzazione e coinvolgimento dei cittadini. Noi siamo convinti che chi ha governato fino ad adesso e che ha contribuito a creare lo stato attuale delle cose, non possa essere in grado di risolvere i problemi da essi stessi generati, anche a causa di reti di interessi che si sono creati attorno alegoli_2l mondo del rifiuto e che in qualche maniera si intrecciano con chi dovrebbe lavorare per il benessere dei cittadini. Solo una forza politica nuova e decisa a portare avanti con volontà e determinazione una strategia di rifiuti zero, come il M5S, potrebbe riuscire a far morire di fame questo genere di “eco-mostri” per mancanza di materia prima, ovvero di rifiuti.

L’incontro con Legambiente di Chianni

chianni_1A Chianni abbiamo assistito ad una assemblea molto partecipata organizzata da Legambiente Valdera in merito alla discarica di Chianni. I rappresentanti di Legambiente Valdera hanno spiegato che la discarica di Chianni, progettata per accogliere 300.000 metri cubi di rifiuti, ne abbia ospitati 1.500.000 dopodiché il soggetto che ne aveva la gestione ha dichiarato fallimento lasciando il problema ambientale alla comunità. L’impianto è fermo da 17 anni ed hanno paventato il pericolo che dietro la maschera della messa in sicurezza della discarica proposta dall’amministrazione comunale, ci sia la volontà di portare altri 300.000 metri cubi di rifiuto da terre di bonifica (potenzialmente anche schifezze dalla terra dei fuochi). Inoltre facevano notare che 300.000 metri cubi corrispondono a ben 27.000 camion di materiale. I portavoce di Legambiente Valdera ribadivano quindi la necessità di procedere alla chiusura definitiva della discarica, con minimi interventi di apporto di materiale inerte per regolare le pendenze. Sempre gli stessi portavoce non hanno usato mezzi termini per nell’indicare l’attuale maggioranza come responsabile della mala gestione delle politiche ambientali dell’alta Valdera. chianni_2 Hanno inoltre dichiarato che, in occasione delle prossime elezioni regionali, prepareranno dei punti da far firmare alle varie forze politiche che parteciperanno a tale competizione; chi non aderirà sarà contro di loro. Durante l’incontro ha preso la parola il nostro candidato Presidente Giacomo Giannarelli che ha ribadito la vicinanza del Movimento 5 Stelle alle istanze di Legambiente Valdera, alla strategia rifiuti zero che il movimento stesso vuole portare avanti e la sua disponibilità a firmare e a rispettare qualsiasi impegno volto alla tutela ambientale del territorio.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail